venerdì 30 ottobre 2009

Pensieri da Centro Commerciale.


Ci sono 15enni, 16enni, bellissime. OVUNQUE.
Non fanno altro che mostrare le loro gambe implumi, fasciate di calze aderenti, magari sotto shorts. Scollature vertiginose.
Capello fluente, rossetto lucido, trucco perfetto. Sorriso smagliante.

E poi ci sono 18enni, 19enni, frustrate. OVUNQUE.
Che sperano che andando a fare shopping riescano a rivoluzionare il loro aspetto, per non doversi preoccupare anche di quello. Tutto ha difetti.
Capello legato, stressato, senza trucco. Labbra crucciate.

Eppure ci sono solo 3 anni di differenza.
Lo chiamano "gap generazionale".

Evidentemente è quello che fa di loro delle totali lolite da invidiare, e fa sentire noi senza speranze e in continua necessità di essere rassicurate.

non può essere.
non può proprio essere.

Lu.
non è servito
praticamente
a niente.

8 commenti:

  1. c'è sempre una verità (alle volte amara) in quello che scrivi che, nello stesso momento, mi tira su di morale e assieme mi fa stare "peggio"... o comunque più pensieroso del solito.
    Forse detto così è un po' brutto: diciamo allora che le cose che scrivo lasciano, dentro chi ti legge, "fame"... fame di rivoluzione, di psicanalisi, di condivisione, di dare il meglio di sè... anche "fame d'amore", a volte.
    E' sempre un piacere leggerti, Lu...

    RispondiElimina
  2. beh, a 16 anni si è molto più sereni e spensierati...a 18-19 si sta per affrontare la maturità e poi l'università, si comincia a discutere davvero di politica, si cercano esperienze nuove mai fatte prima... ma soprattutto, voltandosi indietro, si osserva che un pezzo di infanzia (legata alla scuola e al periodo teenager) sta inesorabilmente passando...Di conseguenza, osservando chi ha qualche anno in meno, si comincia a pensare di essere "sorpassati" dalle "nuove generazioni" (che hanno, lo ripeto solo pochi anni in meno)....ma, il mio parere a riguardo è che è un semplice momento sensitivo, che periodicamente affiora a determinate tappe biologiche della vita, un sentimento di rimpianto misto a nostalgia...a 19 anni, a 24, a 30, a 40, a 50...e via proseguendo...ma se tutto scorre, allora è solo una questione di abitudine e di apprezzare ciò che si è e che si ha giorno per giorno...perchè c'è del bello anche a crescere :)

    RispondiElimina
  3. il fatto è che a noi ci piacciono quelle che sono belle anche appena sveglie.

    e in quel caso il rossetto,le calze e gli shorts non ti salveranno,ma il sorriso si.

    pensaci...

    RispondiElimina
  4. @ Pix: grazie, come al solito riesci a farmi riprendere un po di fiducia in quello che scrivo, cosa che personalmente credo non faccia mai male (soprattutto a me, soprattutto oggi.)

    @ Mars: devo dirtelo, non ho afferrato bene il messaggio, ma se ho capito bene stai parlando di un discorso di esperienze. ma allora come si giustificano le 50enni in minigonna?
    io sono sempre stata dell'opinione che se vuoi qualcosa e ti ci senti a tuo agio la fai. però non riesco a spiegarmi l'invidia verso ragazzine che hanno pochi anni meno di me, e molta più spensieratezza. io non metto la minigonna non perchè penso sia stupida, ma perchè mi faccio 800 paranoie del tipo ci sto male sono grassa. loro no. è QUESTA l'invidia che provo. probabilmente stanno meglio loro, che devo dire.

    @ JR: carissimo, magari loro hanno i ragazzi super innamorati, mentre noi fatichiamo a trovare qualcuno che ci capisca veramente. e quando lo troviamo, ci sentiamo ingessate a dire quello che proviamo. il sorriso ce l'abbiamo anche noi. ma tutti i sorrisi che facciamo sono reali?

    oggi è successo qualcosa di interessante, se ne scriverò, mi piacerebbe che ci riflettessi.

    Lu.

    RispondiElimina
  5. Quello che ho afferrato dal tuo discorso è che guardando alle ragazzine più giovani ti vedi meno spensierata, meno gradevole, meno a proprio agio...

    ...conseguentemente ti ho detto che, per me, questo è dovuto al fatto che, una volta che si supera una certa fase della propria vita legata a certo momenti/anni (18 anni, fine del liceo, fine dell'università, primo lavoro, famiglia, nascita di figli, nascita di nipoti...), osservando le persone più giovani che stanno vivendo per la prima volta qualcosa che per te è già superato si prova un po' di invidia e di rimpianto...

    ...E la conclusione del discorso era che anche se i periodi e il proprio aspetto cambia, c'è sempre qualcosa di bello da apprezzare OGGI, cose che magari in precedenza non si possedeva, nonostante tutto.

    Forse sono uscito un po' fuori dai margini del tuo pensiero, forse più "tranquillo" di quanto inizialmente avessi inteso, in tal caso me ne scuso :)

    ps. le 50 enni in minigonna? ognuno si vesta come vuole, basta solo non essere volgari... Se la 50 enne si sente bella, sta bene, si sente magari anche più giovane con indosso una minigonna tanto di cappello e buon per lei...le pippe mentali su cosa si deve indossare e cosa no a 50 anni si spera di averle superate :)

    RispondiElimina
  6. Anonimamente penso che un gap generazionale sia un pò più esteso del lasso 16-19 anni, dai 13 ai 19 si è teen ager e a parte gli sporadici esempi di maturità che ci mostra una stregatta, nell'epoca della velina da copertina come scopo nella vita, tante mamme spingi spingi al grande fratello sono incuranti del troppo trucco che copre i sorrisi delle figlie lolite. L'uomo che stupra non è uomo ma qui si è perso un concetto fondamentale Lu, la donna ha un'arma di seduzione che va oltre ciccetta e cellulite e si chiama FEMMINILITA' e poichè tu ne hai tanta di tuo, cosa cavolo devi invidiare alle Lolite filo veline? Sorridi perchè sei proprio così come sei e ringrazia acciuga, mamma ed il destino favorevole, shalla stregatta, shalla

    RispondiElimina
  7. silenzio, mio anonimo svelato. tu sveli troppo di me, io potrei dover svelare troppo di te.
    le confidenze sono confidenze, e tu alludi a qualcosa che solo tu e pochi altri conoscete.

    la Femminilità è un'indubbia arma, ma io non parlavo di nulla di tutto ciò. purtroppo, alludevo alla serenità mancata che "quelle come me" hanno. l'età è solo il movente dell'invidia.
    e non sai quanto mi maledico per quei miei rari scatti di maturità. mi fanno penare a volte.

    RispondiElimina
  8. La tua mancata serenità va a braccetto con il tuo ego curioso e desideroso di nuovi continui stimoli. Non maledire gli scatti di maturità, ci possono pure sta', ma non lasciare che l'ansia di bruciare le tappe ti rubi il tuo tempo poichè nulla poi te lo può rendere. Shhh non sveliamo oltre i nostri segreti non ci sveliamo troppo, buona notte, buoni scatti... di d five thousand

    RispondiElimina