martedì 30 marzo 2010

sono stanca di parlare della Polverini e di questo governo dittatoriale in cui ormai siamo. mi fa schifo tutto. dunque, ho deciso di stilare una delle mie liste scaccia-pensieri.

cose che ultimamente mi ossessionano:

. comprare mensole per la camera, sennò al prossimo libro che compro devo dormire altrove.
. tatuaggi.
. borsa nuova.
. trench beige. si, in primavera.
. occhiali da sole che mi possano reggere i capelli.
. per la prima volta in vita mia ho comprato delle ballerine. complesso dei piedi quasi sconfitto.
. amigurumi. devo imparare a farne.
. diagnosi psicanalitica. finalmente l'ho comprato, e non vedo l'ora di leggerlo!

Lu.
è primavera.

venerdì 26 marzo 2010

Anders Petersen.
fotografo svedese.

nonchè mio nuovo amore.

Lu.
identificazione
proiettiva.

lunedì 22 marzo 2010

[onestamente pubblicato senza il consenso di JR.

JR: il fatto è che gli altri sono così cretini...
Lu: per me chi non è cretino non vuole ascoltare.
JR: allora diciamo stronzi.
Lu: ecco.]

vorrei ci fosse il sole
per andare a stendermi nel prato di villa ada
ad ascoltare i suoni
magari leggere qualcosa
scrivere qualcosa
morirci.

ho detto a mia madre che a volte mi sento depressa,
e lei è andata a comprare gli integratori di sali minerali.


oggi sul tram ho visto una ragazza bellissima
vestita in modo semplice, ma interessante.
sono morta un po' dentro quando ho visto che
aveva delle evidenti lesioni neurologiche.
spasmi involontari in tutto il corpo,
tipo Corea di Huntington.

Lu.
. . .

domenica 14 marzo 2010

voglio scattare foto, voglio esporle, voglio ricevere commenti, anche critiche, dalle persone che ci capiteranno davanti. voglio essere stimolata dalle persone, voglio uscire e frequentare persone che posso ritrarre, e che mi incoraggino in quello che faccio.
non dico che le persone che ho accanto non mi incoraggino, ma non mi sento sufficientemente stimolata, forse.
sai che ci vorrebbe? un gruppetto di gente che fa foto, disegni, qualsiasi cosa, ci conosciamo tutti, e uscire insieme, organizzare gite.
in pratica... amici.
bene, l'ho ammesso.

ora, sono finalmente riuscita a capire come mettere il sondaggino qua sotto. vedete di non vomitarci troppo, o potrei venirvi a trovare mentre dormire, e restare a fissarvi per ore, come Paranormal Activity.

Lu.
has some
creativity issues.

venerdì 12 marzo 2010

ho la netta sensazione di essermi persa degli anni per strada.
insomma, ho compiuto 19 anni la settimana scorsa, e non ricordo di aver mai vissuto i miei 16 e i miei 17. sono passata dai 15 ai 18. e temo di sapere anche perchè. vi risparmio i traumi, che è meglio (cit. puffo).

vedo queste ragazzine, col trucco sempre fighissimo (invece gli eyeliner ultimamente mi odiano), i loro capelli miracolosamente ricci (i miei sono lisci, e dovrei rifare quel cazzo di hennè), e i loro sorrisi sempre così reali. fumano sigarette come se sapessero che è una fase, che a 30 anni smetteranno perchè penseranno di poter avere figli. si divertono un mondo, coi loro amici flippati.
e io le odio perchè odio il fatto di non essere così.
ah, dimenticavo. hanno tutte una reflex, sia chiaro.

da piccola mi hanno sempre detto che pensavo troppo, che ero (e sono) troppo matura per la mia età. sono sempre stata con ragazzi più grandi, a cui ovviamente non pesava stare con una di anche 10 anni più piccola, perchè non li dimostravo.
forse è una sorta di sindrome di Korsakov. prendo la mia età dal mio contesto.
forse è stato anche questa maturità inaspettata, assolutamente non desiderata, che mi ha portato a studiare quello che studio, a voler capire tutto della mente, a voler aiutare gli altri, perchè io ci sono passata, per molte di quelle cose.

ovviamente è inutile che stia a scusarmi se faccio del vittimismo. se stai leggendo qui, avrai capito che se scrivo qui è praticamente solo per piangermi addosso, ultimamente, e per piangere, dove possibile, sulla società che viviamo.

ah, approposito.
non mi ricordo l'ultima volta che ho pianto di tristezza, o di rabbia, o di stanchezza, o altro.
mi ricordo benissimo l'ultima volta che ho pianto di gioia, è stato non troppo tempo fa. una decina di giorni fa, azzarderei.
quindi, ecco fatto. quando mi piango addosso, non specifico se è una cosa triste o no. dunque allegri, amici, allegri. non mi ammazzerò.
è solo che mi piace lamentarmi.


Lu.
ha sempre in Mente
la Mente.

giovedì 4 marzo 2010

mi è spuntato un brufolo da stress vicino al mento.
quindi immagino di dover informare voi signorini che da Settembre avrete a che fare con una studentessa di Psicologia Clinica.

lunga storia, lunga storia.

non ve lo fate il piercing in faccia, basta un brufolo in una qualche posizione strategica.

Lu.
vede la felicità.
ne sente l'odore.