venerdì 16 luglio 2010

15 Luglio 2010 h23.

Sto scrivendo perchè Lei mi ha detto che dovrei scrivere di più, che sono portata, che le piace. Scrivo di notte illuminata dalle luci di un palco lontanissimo. Acqua fra me e le luci. Odore di fumo nell'aria c'erano lucciole ora solo erba musica vento parole di persone che non conosco e che probabilmente non ne vale neanche la pena.

Non voglio vederti nella mia testa voglio vederti davanti a me che mi sorridi e mi dici qualcosa di importante per te. Adoro questo odore, mi fa sentire a casa.
Rock psichedelico progressivo elettronico folkloristico nell'aria. Odore di erba fumo cioccolato nero canne micce nell'aria. Sono a casa.
Violini violini violini dove sei? Dove sei dove sei. Voglio che tu stia in silenzio qui vicino a me a sentire questi violini violini violini.
Quello che tu scrivi che mostri, manda in orbita. Estasi musica anima respira.

è la terza pagina, sento solo violini e chiacchiere. Calco sempre più con la penna. Carta inutile. bianca sembra avorio sembra argento sembrano lacrime.
Dove sei ti voglio lontanissimo o a contatto con la mia pelle. Le vie di mezzo sono solo ansia tachicardia violenza al cervello.
Luci viola luci viola il violino non vuole smettere non deve smettere.

Non voglio scrivere di Te voglio scrivere di Lei dei suoi capelli scoloriti delle sue unghie mangiate del suo modo di scrivere di stupirsi. Voglio scrivere di Lei per Lei perchè non conosco il suo profumo e vorrei sapere come fa la sua voce di mattina.
e Lei non è mia e Tu non sei mio e io non voglio essere di nessuno.

La musica si placa, io no.

"Sono felice, Clem. Sono esattamente dove vorrei essere."

Chitarra acustica mi viene da piangere.

E sono altrove.

Sudare ballare ridere rollare fumare muoversi cantare sudare di più. I capelli il cappello la maglietta i bassi sotto la terra nel petto sulle mani.
Volere la vicinanza volere il calore.
Sentirti dentro, subito dietro il mio il tuo sorriso.
Le mani che suonano le gambe che tengono il ritmo la morbidezza dei movimenti.
La libertà, la verità, la musica.

Vedo tutto a rallentatore. Non voglio vedere più nulla o vedere tutto adeso. musica musica musica sguardi verità.

Tu sei vero e tutto il contrario del vero.

Ho dimenticato il tuo odore. Se non ho delle fonti, potrei anche perderlo per sempre. Almeno fino alla prossima fonte.

Dimmi che ci vedremo dimmi che riparleremo dimmi che avremo un segreto anche piccolo dimmi che ci sei dimmi che ancora esisti da qualche parte nell'universo. Non nel mio, ma da qualche parte si.

Lu.

5 commenti:

  1. Cioè, io mi emoziono così, oh, ho le guance d'acciaio, non esageriamo, mi ossido. Si dice: "Ooh".

    RispondiElimina
  2. questo è ieri notte, su un prato, a sentire musica. regalino di buongiorno di oggi. l'ho scritto su un block notes.

    RispondiElimina
  3. Block notes, uno stile di vita, ahah.
    Ripeto e aggiungo anche uno smile da sbarbina: Ooooh *__________*

    RispondiElimina
  4. http://www.youtube.com/watch?v=glZpzWAIrf4
    un pezzo di storia della musica demenzialA. *_*

    RispondiElimina
  5. (appurato che blogger non invia i msg privati che scrivo, ho reso il mio blog, per l'appunto, privato. se vuoi leggerlo puoi lasciarmi la tua email, quella che hai usato per registrarti su blogger, in modo che io t'inviti, in uno di questi posti:
    http://undergroundshit.deviantart.com
    http://facebook.com/cinestetica
    http://formspring.me/overpowered
    tolgo il disturbo, ciao)

    RispondiElimina