domenica 4 luglio 2010

Ieri sera ero ad emozionarmi ballando sotto ad un palco. Mi sono divertita.
Stamattina ho capito da qualche frase qua e là che ieri sotto lo stesso palco c'eri anche tu. Non ci siamo visti, non so se ti sei divertito.
La cosa simpatica è che tu hai sempre detto "tu non sei la ragazza che balla", e l'hai deciso tu, deducendolo dalla tua ampia conoscenza di me. E invece io sono una ragazza che balla, e tu non l'hai mai voluto scoprire.
Ieri eravamo sotto lo stesso cielo, sotto lo stesso palco. E io non riesco ad augurarmi che tu sia stato bene.
Riesco solo a pensare che magari mi hai vista ballare, e ti sei detto che tutto quello che pensavi di me è sbagliato. Ancora una volta.

Lu.
balla.

Nessun commento:

Posta un commento