domenica 11 luglio 2010

Non ho mai letto un solo, singolo libro di Fabio Volo. secondo me è anche intelligente, per carità. non ho mai letto niente di Fabio Volo.
è arrivato il letto nuovo, quello vecchio, a castello, è stato imballato ed è sparito. ci dormivo da quando ho imparato a dormire in un letto alto due metri. non ho mai collegato questa cosa al mio terrore per le altezze. dormire in alto mi è sempre piaciuto ma stare in alto, se non nel mio vecchio letto, mi spaventa. i pavimenti di vetro più di ogni altra cosa. c'è un ristorante cinese, ci siamo stati, che ha i pavimenti di vetro e sotto c'è un acquario. mi terrorizza e mentre ci camminavo sopra stavo ben attenta a parlare parlare parlare parlare per non pensare che ci stavo camminando sopra, per non pensare che peso una sessantina di chili e che quanto potrà resistere il vetro?
dicevo, il letto nuovo. è grande. ci si sta benissimo in due. ma io sono una. comunque, immagino ci si stia bene in due. mia madre, che è piccina, ci stava comoda con me. appena verrà Lei lo proverò con Lei, forse. staremo stese a guardare quanto sono più in alto i quadri ora che il letto vecchio non c'è più, e quanto la mia camera sembri più grande del solito buco pieno di libri che è sempre stato. le mensole le avevamo ordinate, ma il falegname ci ha comunicato che è diventato di colpo troppo vecchio per farle. non ho mensole, ho libri per terra, sul tavolo, nell'armadio, in testa, nelle borse, sulle scatole. tutti libri che volevo leggere questa estate perchè immaginavo che sarei stata con te stesa da qualche parte all'ombra e ora mi resta solo l'ombra. e il letto nuovo. e quintali di pagine stampate. quasi tutti saggi di psicologia, a dirla tutta.
quindi, tu sei così convinto che sia vero, che sono una a cui piace essere intelligente. no, mi piace solo legegere di psicologia e sono nata con la grave condanna di capire quello che non mi dici.

quando bevo straparlo.
questa è la mia colpa.

ok ora sono stanca e ho caldo. la smetto di scrivere perchè mi voglio fare una doccia gelate e ho capito che da quando il letto vecchio non c'è più io ho una parete bianca a disposizione per fare foto.


(purtroppo questa genialata non è uscita dal mio cervellino.)

Lu.

6 commenti:

  1. "Sono nata con la grave condanna di capire quello che non mi dici." Bello. Attacchi certe parole insieme che fanno dire "ooh".
    Io li ho letti tutti, i libri di Volo. Mio padre lo adora. E con la mia mania di assorbire, li ho assorbiti. E adesso mi vengono a dire che il mio modo di scrivere somiglia al suo... NO! NON LEGGERLI, se anche tu sei una che assorbe.

    RispondiElimina
  2. se il problema è "montare le mensole" chiama. Lo faccio io ;)

    RispondiElimina
  3. @KNIFE: grazie perchè mi.segui. farò altrettanto appena non avrò più gli occhi appannati.

    @N: ti fanno davvero dire "ooh"? perchè è la stessa cosa che provo io quando leggo te. "ooh". e verrebbe voglia di immaginarsi quello che scrivi che diventa una diapositiva e tu ti metti davanti al proiettore e tipo posso leggere quello che scrivi sulla schiena. ok, sto svarionando. non credo leggerò nulla di Volo, perchè ho duemila libri da leggere questa estate, tutti saggi roba che fa sentire colta e intelligente e non ho tempo per Volo. sono una donna impegnata, io.

    @PIX: grazie uomo, non mi sono ancora arrivate le mensole, il falegname non le ha proprio fatte. sennò le montavo io, sai che ci vuole. grazie però, mi serviva un po' di solidarietà riguardo le mensole. magari una volta usciamo a parlare, ma deve fare fresco sennò mi sciolgo.

    RispondiElimina
  4. Si, mi fa dire "ooh", hai del potenziale leggi, leggi, leggi. Portati dietro un block notes, scrivi della gente e delle cose, ferma le persone per strada.
    Un consiglio: assorbi ciò che leggi, ma non ributtarlo su pagine bianche. Qualcuno l'ha già fatto. Metabolizzalo e fai uscire ciò che è veramente tuo.
    E che bella cosa, questa delle diapositive, fantastico. Ho due amici che hanno in mente un progetto simile. Proiettarsi immagini addosso mentre suonano, ai concerti. Belle cosebellecose.

    RispondiElimina
  5. mi porto sempre il block notes e una penna, rigorosamente bic nera. leggoleggoleggo non mi fermo porto libri ovunque. anche se devo star via due giorni porto almeno due libri. scrivo da sempre, voglio migliorare.
    Grazie che mi leggi, grazie che ti fai leggere.

    RispondiElimina