domenica 5 settembre 2010

Sevilla - day 2: Reales Alcazares.

28 Agosto 2010 - h17:59

Giardino immenso, palazzi lussuosi e arabeggianti.
43°C. Sete. Solo acqua naturale aromatizzata al cloro.
Tutto è di una poesia frustrante. Non ti lascia riflettere.
Il vento è un enorme asciugacapelli decisamente inopportuno.
Tu non rispondi e io lo facevo.

2 commenti:

  1. Ah, l'Alhamabra...

    Anche io la visitai in estate, fu una delle cose più belle che io abbia avuto la possibilità di vedere. I giardini, le fontane, le maioliche, i motivi arabeggianti, la splendida vista sui dintorni... c'era veramente un non so che di magico e di antico nel camminare in morbidi sandali Birkenstock tra quelle pareti.

    Mi sarebbe piaciuto essere là con te, a vederti fotografare. Ma il tuo odore, neanche io riesco più a ricordarlo... e probabilmente mi avrebbe distratto dal poterti guardare.

    :3

    RispondiElimina
  2. Il tuo odore lo ricordo, vagamente. L'Alhambra è stata meravigliosa, mi ha fatto rivalutare Granada.
    Quando ho scritto questo pezzo qui sopra ero nel Reales Alcazares di Sevilla. Mai all'altezza dell'Alhambra ovviamente, ma comunque rilassante. C'era perfino un enorme giardino con famiglie di pavoni.
    Non mi sarebbe piaciuto averti là con me, è stato un viaggio rilassante.

    :)

    RispondiElimina