domenica 28 novembre 2010

30 Ottobre 2010.

ora italiana: 04.48.
ora new yorkese: 22.48.

Tu sei per me come una terra straniera e lontanissima, dove non conosco cultura, clima, usi e costumi. Tu per me sei come qualcosa di spiazzante e piacevolmente inquietante. Non so se devo portare il costume da bagno o il maglione, se pioverà o ci sarà il sole. Tu per me sei come una terra straniera, un posto dove non voglio prendere cittadinanza, per provare ogni volta lo stesso vivido stupore.

2 commenti:

  1. dev'essere una cosa molto sincera.

    RispondiElimina
  2. l'ho trascritta solo ora perchè per me ora ha meno valore. prima era gelosamente custodita. l'ho scritta su un autobus di new york, che viaggiava di notte.
    mi piace per il ricordo che c'è legato.

    RispondiElimina