lunedì 3 gennaio 2011

duecento e undici.

Ciao, è l'anno nuovo e questo è il mio duecentesimo post. Sono qua sopra da Settembre 2008, pensa che palle. Non ho assolutamente niente da scrivere. Scrivo del fatto che non scrivo più.
Non ho voglia di fare uno di quei post su quanto sono belli i miei propositi per l'anno nuovo. Tanto non s'avverano mai.
Potrei fare uno di quei post in cui ringrazio tutte le persone che m'hanno voluto bene quest'anno ma rischierei di dimenticare qualcuno o di realizzare che è una lista un po' scarna, e allora no.
Quindi ecco che il mio duecentesimo post, il primo dell'anno nuovo, parla del vuoto. Parla del nulla e delle omissioni. Dio mio le omissioni. Vorrei ti andassero di traverso tutte quante. Ho il letto sfatto da mesi, ormai. Tante idee ma paura di parlarne. Tante fantasie, troppe. Mi fanno venire da vomitare.
Riguardo Vicky Cristina Barcelona e dico ecco è questo ciò che vorrei dalla vita. Riguardo The Dreamers e dico ecco è questo ciò che vorrei dalla vita.

Qui ora avevo scritto qualche riga su di te ma ho preferito cancellarle che nemmeno queste ti voglio concedere.

Nessun commento:

Posta un commento